Il vostro bambino è entrato nel quinto mese di vita, un momento questo di forti cambiamenti. Ecco tutti i consigli per affrontare al meglio questo periodo.

A chi lasciare il bambino?

Molte mamme sono tornate a lavorare già da un paio di mesi. Altre invece proprio durante il quinto mese tornano in ufficio. Spesso anche le mamme che non lavorano, sentono comunque la necessità di lasciare almeno per qualche ora il loro piccolo in modo da poter portare avanti al meglio la propria routine quotidiana. Care mamme, dovete allontanare ogni senso di colpa e cercare di sentirvi tranquille quando arriverà il momento del primo distacco, per fare in modo che anche il vostro bambino si senta tranquillo e per avere la mente lucida per scegliere a chi affidare il vostro cucciolo.

Avete tre possibili scelte:

  • Nonni. Quando possibile, i nonni sono sicuramente una delle scelte migliori che possiate fare. I bambini infatti possono portare avanti in questo modo la loro routine quotidiana e possono trascorrere del tempo davvero molto piacevole insieme a persone della famiglia che li amano davvero molto. Ovviamente però tutto dipende dall’età dei nonni e dal loro stato di salute. Persone molto anziane che hanno problemi di salute particolarmente intensi potrebbero non essere in grado infatti di prendersi cura di un bambino così piccolo al meglio.
  • Asilo nido. L’asilo nido è sicuramente una scelta eccellente in quanto consente al vostro bambino di socializzare con altri bimbi, di fare nuove esperienze, di scoprire al meglio il mondo circostante. Nonostante questo è molto importante ricordare che l’asilo nido espone il vostro bambino al rischio di ammalarsi davvero molto di frequente. Proprio per questo motivo è meglio prediligere i micronidi, oggi per fortuna davvero molto diffusi, che aprono le loro porte ad un gruppo molto ristretto di bimbi. I costi, ci teniamo a sottolinearlo, possono essere però piuttosto elevati.
  • Baby sitter. Avere a disposizione una baby sitter, o una tata come molti preferiscono chiamarla, è un’alternativa davvero eccellente. Grazie alla baby sitter infatti avete la possibilità di evitare che la routine quotidiana del vostro bambino possa essere rovinata. Inoltre potete chiamare la baby sitter solo quando strettamente necessario, riuscendo così anche a spendere molto meno rispetto al nido.

Attenzione, qualunque sia la scelta che farete, per il vostro bambino si tratterà di un cambiamento davvero molto grande e sentirà il peso della mancanza della mamma. Proprio per questo motivo è molto importante fare in modo che si abitui lentamente a questa situazione. Se avete deciso di optare per il nido, dovrete quindi effettuare l’inserimento nel miglior modo possibile, dedicandogli tutto il tempo necessario. Se avete deciso di optare per i nonni oppure per la baby sitter, abituatelo gradualmente, iniziando da un’oretta al giorno appena e con largo anticipo rispetto al vostro rientro a lavoro.

Consigliati per te

I piccoli inconvenienti del quinto mese

Durante il quinto mese di vita, il vostro bambino potrebbe incorrere in alcuni piccoli inconvenienti. Ecco i più diffusi:

  • Nel caso in cui notiate un occhio davvero molto arrossato, fate subito riferimento al vostro pediatra. Potrebbe anche trattarsi della valvola del dotto lacrimale che risulta ancora chiusa. Solitamente si apre in modo autonomo durante i primi giorni o le prime settimane di vita, ma in alcuni casi è possibile che non si apra provocando ristagni e infiammazioni. Tranquille mamme, non è niente di grave, ma probabilmente il vostro bambino avrà bisogno di un collirio antibiotico.
  • Arrossamenti, pelle squamata e prurito. Nel caso in cui notiate questi sintomi, è possibile che il vostro bambino soffra di dermatite atopica. Anche in questo caso è molto importante ovviamente fare riferimento al pediatra. Con molta probabilità, il pediatra vi consiglierà di tenere in casa del cortisone, di mettere a contatto della pelle del bambino solo tessuti naturali al cento per cento, di utilizzare prodotti appositamente formulati per le pelli sensibili.
  • Cadute. Durante il quinto mese di vita può capitare che i bambini cadano dal letto della mamma e del papà, dal divano o che semplicemente rotolino sino a picchiare la testa. Niente paura, queste cadute sono solitamente del tutto innocue. Nel caso in cui però la caduta sia avvenuta da un’altezza davvero elevata e nel caso in cui il vostro bambino non abbia pianto immediatamente, come se avesse per qualche istante quasi perso i sensi, è bene chiamare subito un medico o portare il piccolo al pronto soccorso per un controllo.

I traguardi

Durante il quinto mese di vita il bambino inizia a interagire in modo davvero molto intenso con la mamma e con il papà. Se loro ridono, il bambino sembra davvero molto divertito. Il bambino riderà di gusto se la mamma e il papà nascondono il loro volto dietro alle mani e fanno cucù. Inoltre li guarda con interesse, se cantano una canzone o se gli raccontano una storia.

I bambini durante il quinto mese di vita possono anche iniziare a riconoscere il loro nome. In alcuni casi infatti potrebbero girarsi, sentendolo pronunciare.

Ricevi consigli mentre tuo figlio cresce

Iscriviti alla newsletter di BambinoFelice.it e ti aiuteremo nel tempo nel difficile compito di essere genitore, con utili consigli, guide e offerte in tutte le fasi della crescita, per affrontare al meglio i primi mesi e anni di vita del tuo piccolo.

* campo necessario
Sesso *
/
Primo figlio?
/

Cosa acquistare

Per prendervi cura del vostro bambino al meglio durante il quinto mese di vita, potete decidere di acquistare alcuni importanti prodotti per la prima infanzia. Ecco a nostro avviso quelli che possono essere considerati indispensabili in questo periodo:

  • Passeggino. Molte mamme già possiedono un passeggino in quanto hanno deciso di optare per il trio. Altre mamme invece hanno preferito acquistare solo la navicella e l’ovetto e devono allora iniziare a guardarsi intorno alla ricerca di un buon passeggino. Non tutti i bambini sono pronti per il passeggino a 5 mesi, ma si tratta comunque di un acquisto che conviene fare adesso. Il passeggino migliore per i bambini di 5 mesi di vita è in possesso di uno schienale leggermente inclinato verso il basso o comunque regolabile: in questo modo avrete infatti la possibilità di scovare la posizione migliore per il vostro bimbo che ancora non riesce a stare in modo autonomo e confortevole seduto.
  • Giochi per il passeggino. Durante le vostre passeggiate all’aperto, il bambino sarà spesso sveglio. Riuscirà a divertirsi guardando il mondo che scorre intorno a sé e osservando ogni giorno cose nuove, ma è possibile che in alcune occasioni si annoi. Meglio allora avere a disposizione dei giochi che gli consentano di divertirsi. Sono disponibili molti giochi da attaccare direttamente alla struttura del passeggino oppure da appendere o attorcigliare alla barra di sicurezza.
  • Box. Il box è uno strumento davvero molto utile che consente alla mamma e il papà di lasciare il loro piccolo in un ambiente del tutto sicuro mentre devono sbrigare alcune faccende domestiche durante le quali non avrebbero quindi la possibilità di prendersi cura del bimbo al meglio. I box migliori sono quelli piuttosto ampi, che sono in possesso di materassini morbidi e di molti giochini integrati. Non solo, i migliori sono anche quelli che sono in possesso di pratiche maniglie a cui il bambino può attaccarsi per iniziare a tirarsi su in piedi da solo.
  • Centro attività. Sono disponibili in commercio dei bellissimi centri attività per bambini da utilizzare come valida alternativa al box. Il centro attività dispone di un pratico sedile sicuro al cento per cento in cui inserire il bambino. Attorno al piccolo sono presenti molti giochi che consentono lo sviluppo delle attività cognitive. Inoltre non appena il bambino sarà pronto, questi centri attività possono essere utilizzati anche come girelli a tutti gli effetti, per iniziare quindi a muovere i primi passi in autonomia.
  • Libri di stoffa. I bambini intorno ai 5 mesi di età si divertono davvero molto con i libri di stoffa. Si tratta di libri davvero molto colorati con figure e personaggi simpatici che consentano ai bimbi di fare molte diverse esperienze. Alcune parti dei libri infatti toccandole offrono suoni davvero divertenti, altre permettono ai bambini di scoprire figure nascoste, altre ancora possono essere persino morse dai piccoli che iniziano la fastidiosa dentizione.
  • Giochi da seggiolone. Durante questo mese i bambini iniziano a stare sul seggiolone sempre più di frequente. Per evitare che si annoino potete acquistare degli appositi giochi da seggiolone, in possesso di una pratica ventosa che consente di attaccarli direttamente al vassoio.
  • Lettino. Dovete iniziare a pensare anche al lettino. In questo periodo infatti alcuni bambini iniziano ad essere un po’ troppo grandi per la culla. La culla non offre loro lo spazio di cui hanno bisogno e risulta anche pericolosa perché alcuni bimbi si muovono davvero molto di frequente durante le ore notturne. Meglio allora acquistare un lettino con le sbarre.
  • Giostrina per il lettino. Molti bambini amano avere una bella giostrina appesa al lettino, un gioco che consente loro di divertirsi, ma che offre anche la possibilità di rilassarsi e di addormentarsi molto velocemente. Le giostrine migliori sono quelle che offrono anche musiche rilassanti e tenui giochi di luce.
  • Luce notturna. Alcuni bambini iniziano in questo periodo ad avere paura del buoi. Per fare in modo che possano superare questa paura al meglio, potete offrire loro una luce notturna. Può trattarsi di un piccola luce, di un vero e proprio abat jour, di una lampada da muro. Ne troverete a centinaia pensate proprio per il riposo dei bambini.

Consigliati per te