Neonato di due mesiCare neomamme, siamo arrivate al secondo mese di vita del vostro bambino! Ecco qualche consiglio per affrontare al meglio questo periodo e per prendervi cura del vostro cucciolo davvero nel miglior modo possibile.

La mamma durante il secondo mese di vita del bambino

La mamma durante il secondo mese di vita del bambino si sente sicuramente molto più sicura di se stessa e inizia ad avere maggiore dimestichezza con questo suo nuovo ruolo. Questo non significa che debba abusare delle energie che sente di avere. Soprattutto se allatta al seno, la mamma deve infatti cercare di essere sempre quanto più riposata e tranquilla possibile. Anche durante questo mese quindi è importante delegare un po’ di impegni e chiedere un aiuto soprattutto nelle faccende domestiche.
Durante il secondo mese di vita la mamma può iniziare anche a fare un po’ di sana attività fisica, magari portando con la navicella il suo bambino fuori casa a fare delle lunghe passeggiate. E la dieta? Sono molte le mamme che in questo periodo vorrebbero mettersi a dieta per cercare di perdere i chili presi durante la gravidanza. Sicuramente in questo periodo è possibile iniziare a sostenere un regime alimentare più sano, genuino e anche più leggero in quanto a fabbisogno energetico, ma le mamme che allattano al seno devono ricordarsi che è bene non esagerare. L’allattamento necessita infatti di molte energie.
E per quanto riguarda invece la cura del bambino? Ecco tutto ciò che le neomamme alle prese con il secondo mese di vita del loro cucciolo dovrebbero sapere.

Consigliati per te

Il sonno del neonato

Le neomamme non devono fare paragoni con gli altri bambini, né avere aspettative esagerate nei confronti del sonno del loro bambino. Ogni bambino infatti è un universo a parte, con esigenze ben precise e diverse da quelle di ogni altro bambino. Detto questo, è importante ricordare che i bambini devono dormire perché il sonno è per loro un vero e proprio toccasana.
Possiamo in generale affermare che durante il secondo mese di vita le ore di sonno dei neonati tendono a diminuire. Se nel primo mese infatti dormono dalle 16 alle 18 ore circa, nel secondo mese dormono mediamente dalle 12 alle 14 ore. La maggior parte delle ore di sonno dovrebbe concentrarsi durante la notte, lasciando ai riposini giornalieri circa 5 ore.

Anche durante il secondo mese di vita, sarebbe bene tenere il bambino nella camera da letto dei genitori, utilizzano una culla da posizionare vicino al letto oppure una culla per il co-sleeping. Il bambino inoltre dovrebbe sempre dormire a pancia in su, così da riuscire a respirare e digerire al meglio, allontanando anche il rischio della SIDS.

L’alimentazione del secondo mese di vita

Durante il secondo mese di vita i bambini devono ancora essere alimentati solo ed esclusivamente con il latte materno. Sarebbe, come ben sapete, preferibile l’allattamento al seno, ma quando ciò non fosse possibile, la giusta soluzione è ovviamente il latte artificiale. Per quanto riguarda l’acqua, i bambini allattati al seno non ne hanno assolutamente bisogno. I bambini allattati artificialmente invece potrebbero provare una sensazione di sete che crea tensione e pianti inconsolabili. Si può quindi provare a dargli qualche goccia di acqua per cercare di calmarli.

Sia i bambini allattati al seno che i bambini allattati con latte artificiale, dovrebbero assumere la vitamina D. Si tratta di una vitamina di fondamentale importanza per la salute delle ossa e per lo sviluppo del bambino. La vitamina D viene stimolata dai raggi del sole ed è presente in molti alimenti, ma in questi primi mesi di vita i bambini non stanno spesso all’aria aperta e non sono ancora sottoposti allo svezzamento: hanno quindi bisogno di un integratore.

Il cambio del pannolino

Ad ogni cambio del pannolino è consigliabile lavare il sederino del bambino con acqua tiepida e sapone. Quando vi trovate fuori casa e ciò non è possibile, è importante utilizzare le salviette umide. Meglio inoltre utilizzare la crema emolliente, per rendere la pelle morbida ed evitare arrossamenti. Nel caso in cui invece un arrossamento o un’irritazione fosse in corso, è possibile utilizzare una crema a base di ossido di zinco.

Il pianto inconsolabile

Tra il primo e il secondo mese di vita del bambino è possibile incorrere in quelle che vengono comunemente definite crisi di pianto inconsolabile. Il bambino tende a piangere senza che vi sia alcuna possibilità di calmarlo per circa un’ora, in alcuni casi anche di più, pianto che si manifesta solitamente sempre alla stessa ora, durante il tardo pomeriggio.
Queste crisi sono dovute alle coliche, ma è possibile che la causa debba essere ricercata anche semplicemente nello sviluppo del sistema nervoso che potrebbe rendere insopportabili al bambino anche i fastidi più lievi. Portate pazienza, cercate di aiutare il bimbo utilizzando il ciuccio o offrendogli il seno, portatelo a fare un giro in auto o con il passeggino, prendetelo in collo e coccolatelo.

Ricevi consigli mentre tuo figlio cresce

Iscriviti alla newsletter di BambinoFelice.it e ti aiuteremo nel tempo nel difficile compito di essere genitore, con utili consigli, guide e offerte in tutte le fasi della crescita, per affrontare al meglio i primi mesi e anni di vita del tuo piccolo.

* campo necessario
Sesso *
/
Primo figlio?
/

BambinoFelice.it usa la tua email per inviarti aggiornamenti, consigli e offerte commerciali. Per ricevere i nostri suggerimenti devi selezionare le caselle sottostanti.

La crosta lattea

Durante il secondo mese di vita del vostro bambino, potreste notare la comparsa di squame di colore bianco sulla sua cute. Si tratta della crosta lattea. Utilizzando un olio come quello di mandorle e preferibilmente con la cute umida, è possibile eliminare la crosta lattea con l’ausilio di un apposito pettine o di una garza sterile. Nel giro di qualche mese il problema si risolverà completamente in modo naturale.

I traguardi

Il bambino è ancora molto piccolo, ma durante il secondo mese di vita deve iniziare a tenere la testa sollevata. Provate allora a metterlo a pancia in giù quando è sveglio, per vedere come reagisce. Le prime volte forse la testa barcollerà un po’, ma vedrete che nel giro di poco tempo riuscirà a sollevarla senza alcun tipo di difficoltà almeno per qualche istante. In alcuni casi, piuttosto rari però, è possibile che alcuni bambini inizino già a tenere la testa dritta quando vengono presi in collo.

Cosa acquistare

Ecco tutti gli articoli per la prima infanzia che dovrete necessariamente acquistare durante il secondo mese di vita del vostro bambino:

  • Ciuccio. A partire dal secondo mese di vita, i neonati possono iniziare ad utilizzare il ciuccio. Prima di questo momento il suo utilizzo è sconsigliato nel caso dei bambini allattati al seno in quanto l’allattamento potrebbe venire compresso. Il ciuccio deve essere scelto della taglia più piccola, 0-3 mesi. Vi consigliamo di acquistare due o tre versioni diverse, perché ogni bambino ha il suo gusto personale in fatto di ciucci, sia per quanto riguarda il materiale che per quanto riguarda la forma.
  • Fermaciuccio. Il fermaciuccio è un gancio che vi consente di attaccare il ciuccio tramite un’apposita catenella ai vestiti del vostro bambino. In questo modo lo avrete sempre a disposizione ed eviterete che prendendo il piccolo in collo il ciuccio possa andare perso.
  • Biberon. Avere in casa un biberon con tettarella morbida in silicone che sia adatta ai bambini di 2 mesi di vita è importante. Le mamme che allattano al seno potrebbero decidere di tirarsi il latte materno e il biberon è quindi necessario per somministrarlo al bambino. I bambini allattati artificialmente potrebbero invece avere sete e con cosa bere l’acqua se non con il biberon ovviamente! Sono da prediligere i modelli anticolica che consentono di evitare che l’aria in eccesso arrivi nella pancia del vostro bambino.
  • Salviette umidificate. Quando siete fuori casa o in tutte quelle occasioni in cui avete davvero molto fretta, le salviette vi consentono di pulire il vostro bambino senza l’ausilio né di acqua né di sapone. Considerate che ne utilizzerete davvero moltissime: meglio quindi optare per i pacchi convenienza, così da fare una bella scorta e risparmiare. Ricordate di scegliere solo le versioni più delicate, prive di alcool, con ingredienti naturali nella loro composizione, che risultano delicate anche sulle pelli più sensibili.
  • Pettine per crosta lattea e olio. Mettere un po’ di olio di mandorle sulla cura con una garza sterile è la cosa migliore da fare per ammorbidire la crosta lattea, che può poi essere eliminata con un apposito pettine.
  • Crema per il cambio pannolino. Dovrete acquistare una crema emolliente da utilizzare ad ogni cambio pannolino e una crema agli ossidi di zinco per fare in modo di contrastare eventuali irritazioni e arrossamenti. Non preoccupatevi se le irritazioni e gli arrossamenti vi sembrano molto frequenti. Purtroppo sono numerosi i bambini che ne soffrono, soprattutto durante i periodi estivi più caldi.
  • Pannolini. Il vostro bambino sta crescendo e non potrete più utilizzare i pannolini new born, pensati per i piccoli di pochi giorni di vita appena. Sceglieteli in base al peso e alla corporatura del vostro bambino e ricordate che è sempre meglio acquistare i pacchi che contengono molti pannolini, sono infatti sicuramente più economici dei pacchi più piccoli.
  • Il necessario per il lavaggio nasale. Iniziando a portare il vostro bambino fuori casa sempre più spesso, è possibile che incorra in un piccolo raffreddore. Per aiutarlo a respirare bene, dovete avere a portata di mano un aspiratore nasale per l’eliminazione del muco, disponibile anche nella versione elettronica. Potete anche acquistare la soluzione fisiologica, meglio se nella versione monodose da 5ml così che sia più semplice anche averla a portata di mano.

Consigliati per te